Le lassità periferiche croniche del ginocchio possono essere isolate, anche se di frequente sono associate a una lesione del pivot centrale. Sono trascurate perché spesso la loro esistenza è ignorata. L’anatomia e la biomeccanica delle strutture sono tuttavia ben note grazie a studi recenti, ma è indispensabile un’analisi clinica precisa per caratterizzare tali lassità. Le radiografie dinamiche e la RMN completano l’esame. In assenza di trattamento chirurgico, il risultato funzionale è seriamente compromesso. Sono definite la sede, la biomeccanica, le tecniche (storiche e recenti) delle plastiche anterolaterali. Sono studiati i due compartimenti del ginocchio (mediale e laterale): anatomia, biomeccanica e test clinici. Questa analisi permette di distinguere le lassità isolate dalle lassità combinate. Vengono presentate le tecniche chirurgiche per ciascun compartimento: vie d’accesso e localizzazioni delle inserzioni legamentose. Per ciascun tipo di lassità, dopo un cenno sulle tecniche storiche, vengono presentate le tecniche più recenti insieme alle loro motivazioni anatomiche e biomeccaniche. Si espongono sinteticamente i principi di riabilitazione e viene stabilito in base alla biomeccanica l’ordine di ricostruzione delle plastiche periferiche laterali e degli elementi del pivot centrale, così come il ruolo dell’osteotomia di valgizzazione.
Related Content
Tecnica artroscopica del trapianto di condrociti autologhi nella caviglia
Il trattamento delle lesioni osteocondrali della superficie articolare della caviglia rappresenta un problema di estrema attualità per la chirurgia ortopedica. Il trapianto di condrociti autologhi (TCA) si è imposto, negli ultimi anni, come una delle metodiche di elezione nel trattamento di tal...


Trattamento chirurgico delle lesioni da decubito
Nella maggior parte dei casi la chirurgia delle lesioni da decubito riguardo i pazienti mielolesi. Le indicazioni chirurgiche sono poste in funzione della profondità e delle dimensioni della perdita di sostanzo in base a uno classificazione anotomica. Anche i fattori predisponenti concorrono: le...
Arthrosurfa tecnica chirurgica nel ginocchio
Le lesioni osteocondrali focali sono evenienze frequenti, in particolare nel ginocchio, a livello dei condili femorali o dell’articolazione femororotulea. Queste lesioni, se non adeguatamente trattate, costituiscono l’avvio di un processo che porta all’instaurarsi di artrosi precoce. Nella ...


Trattamento laparoscopico delle ernie inguinali negli adulti per via totalmente extraperitoneale
Il trattamento laparoscopico totalmente extraperitoneale (TEP) delle ernie inguinali consente di controllare e, poi, coprire ampiamente tutti i siti erniari, di realizzare una riparazione senza tensione, generando poco dolore postoperatorio, di evitare i nervi che attraversano la regione inguinal...
Chirurgia della ghiandola sottomandibolare a cielo aperto. Chirurgia della ghiandola sublinguale per via esterna
La patologia della ghiandola sottomandibolare e della ghiandola sublinguale è dominata dai fenomeni ostruttivi (sialolitiasi e stenosi salivari) e dai processi tumorali. Nel corso di fenomeni infettivi ghiandolari e duttali, all’opposto della gestione delle sialoadeniti parotidee, viene spesso...

Chirurgia delle lesioni tendinee del gomito
Le tendinopatie del gomito derivano prima di tutto da lesioni dell’inserzione tendinea, degenerative o traumatiche, favorite da sollecitazioni meccaniche ripetute e talvolta da fattori metabolici o ormonali. Esse possono dare luogo sia a manifestazioni dolorose isolate sia a quadri acuti da rot...
Revisione di protesi di spalla
Nel mondo, un numero sempre maggiore di protesi di spalla viene impiantato in pazienti sempre più giovani con indicazioni diverse, ma soprattutto per trattare le fratture dell’omero prossimale, l’omartrosi primaria e le omartrosi eccentriche su cuffia lesionata. Nonostante i risultati pubbli...

Chirurgia delle lussazioni scafosemilunari e delle pseudoartrosi dello scafoide
L’evoluzione naturale delle lesioni legamentose e delle pseudoartrosi dello scafoide è nota; esse destabilizzano un polso sottoposto nella vita quotidiana, professionale e sportiva, a stress compressivi. Questa evoluzione porta a un collasso artrosico progressivo il cui trattamento non può es...
Chirurgia multifocale nel paziente con paralisi cerebrale con potenziale capacità di deambulare o deambulante
La paralisi cerebrale, nelle forme spastiche, causa deformità degli arti inferiori; la spasticità comporta inoltre conseguenze negative sul trofismo muscolare e osteoarticolare. Tali deformità possono compromettere le capacità funzionali, in particolare la deambulazione, tanto più se la spas...

Artrodesi tibiotalare a focolaio aperto (artroscopia esclusa)
L’artrodesi di caviglia a focolaio aperto è un intervento delicato, gravato da numerose complicanze. I risultati sono buoni in termini di dolore e soddisfazione del paziente. La tecnica deve essere rigorosa, la cruentazione e la congruenza delle superfici articolari perfette, la fissazione sta...